Comunicati stampa 2008

Vedi anche versioni in tedesco e francese.

Svizzera e USA hanno firmato un dispositivo bilaterale di massima relativo alla protezione dei dati

Berna, 09.12.2008 - Nell'ambito del forum di cooperazione per il commercio e gli investimenti fra la Svizzera e gli Stati Uniti, l'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza ha firmato oggi uno scambio di lettere inerente l'istituzione dello «U.S.-Swiss Safe Harbor Framework» che semplifica la trasmissione di dati personali fra le imprese svizzere e quelle statunitensi al beneficio della pertinente certificazione attribuita dal ministero del commercio degli Stati Uniti. Questo dispositivo rafforza anche i diritti inerenti la protezione dei dati di cui beneficiano le relative persone nei confronti delle imprese certificate.

Schengen: posti supplementari per l'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza

Berna, 08.12.2008 - Il 5 dicembre il Consiglio federale ha deciso di accordare all'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT) tre posti supplementari per adempiere i nuovi compiti di vigilanza che la Svizzera si assume con l'adesione allo spazio Schengen.

15° rapporto di attività

Berna, 30.06.2008 - L'introduzione di dati biometrici sui documenti d'identità, la protezione dei dati nell'ambito della valutazione di Schengen, l'impiego di apparecchiature di sorveglianza al confine svizzero, i problemi e le proposte di soluzione concernenti la videosorveglianza, le misure contro la tifoseria violenta, la lotto contro il doping su livello internazionale, il trattamento di dati personali da parte delle casse malati sono alcuni dei settori di cui si è occupato l'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza nello scorso anno.

Trattamento illecito di dati personali nell'ambito della lotta contro le violazioni del diritto d'autore su Internet

Berna, 18.01.2008 - L'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (Incaricato) constata che una società svizzera attiva nella lotta contro le violazioni del diritto d'autore su Internet nelle reti di scambio peer-to-peer lede i principi della legge sulla protezione dei dati. L'Incaricato non intende mettere in dubbio la legittimità dei perseguimenti penali contro chi lede i diritti d'autore, ma ritiene che si debba chiarire a quali condizioni sia possibile togliere il segreto delle telecomunicazioni nell'ambito del diritto privato. Fintanto che queste condizioni non sono adempiute, l'Incaricato ritiene che la società debba cessare qualsiasi trattamento dei dati personali in questione.

https://www.edoeb.admin.ch/content/edoeb/it/home/documentazione/informazioni-ai-media/comunicati-stampa--archivio/comunicati-stampa-2008.html