Comunicazione di dati ad autorità fiscali estere

Diversi progetti di legge riguardavano la comunicazione di dati ad autorità fiscali estere. Nel quadro dei lavori legislativi abbiamo presentato le nostre posizioni in merito al Foreign Account Tax Compliance Act (FATCA) e alla legge sull'assistenza amministrativa fiscale.

Nel corso dell'anno in rassegna abbiamo preso posizione su diversi progetti di legge per disciplinare la trasmissione dei dati fiscali ad autorità estere. Qui di seguito presentiamo il nostro punto di vista in merito al FATCA e alla legge sull'assistenza amministrativa fiscale.


Foreign Account Tax Compliance Act (FATCA)

Nel nostro 19° rapporto d'attività 2011/2012 abbiamo riferito a proposito di questa legge degli Stati Uniti e dei trattamenti di dati che essa comporta, che a nostro avviso sono problematici. L'accordo è stato siglato dalla Svizzera il 14 febbraio 2013 ed è stato messo in consultazione accompagnato da una legge d'applicazione. Vi sono fondamentalmente due modelli di questo accordo e la Svizzera ha optato per il modello 2. Entrambi i modelli prevedono lo scambio automatico d'informazioni. A differenza del modello 1, il modello 2 prevede che i Foreign Financial Institutes (FFI), ossia banche, assicurazioni ecc., rendano conto direttamente all'autorità fiscale statunitense (Internal Revenue Service IRS). Secondo la Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI) il segreto bancario sarebbe in tal modo meglio preservato. I titolari di conti bancari americani che non acconsentono alla comunicazione di questi dati possono esercitare i loro diritti di parte prima della comunicazione dei dati all'IRS. Vi è tuttavia al momento una tendenza legislativa volta ad attenuare questi diritti di parte.

Siamo stati invitati a una seduta della Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati e abbiamo colto l'occasione per esprimere i nostri dubbi. Abbiamo in particolare deplorato che al momento della discussione parlamentare del disegno di legge vi fossero ancora numerosi punti oscuri. Non era per esempio ancora chiaro secondo quali modalità sarebbero avvenuti i contatti tra i FFI e l'IRS, né quali principi generali del trattamento dei dati sarebbero osservati (in particolare la possibilità di rettificare o il principio della proporzionalità nel trattamento dei dati). Il Parlamento ha approvato l'accordo e il disegno di legge. Nel frattempo l'IRS ha rinviato l'introduzione del FATCA a luglio 2014.


Legge sull'assistenza amministrativa fiscale

La legge sull'assistenza amministrativa fiscale è entrata in vigore il 1° gennaio 2013. A seguito di diversi sviluppi internazionali è stato necessario adeguarla nel corso dell'anno. Non siamo purtroppo stati coinvolti nella consultazione degli uffici ordinaria sulle misure pianificate. Abbiamo pertanto stilato un rapporto all'attenzione del Consiglio federale, che dovrebbe licenziare il messaggio concernente la modifica della legge sull'assistenza amministrativa fiscale. Vi abbiamo criticato la procedura dell'informazione a posteriori di una persona legittimata a ricorrere. Questa aveva finora la possibilità di opporsi in giudizio alla trasmissione di informazioni fiscali a un'autorità richiedente estera prima che questa avvenisse.

Secondo il nuovo disciplinamento, se l'autorità richiedente (estera) rende verosimile che l'informazione preliminare vanificherebbe lo scopo dell'assistenza amministrativa e il buon esito della sua inchiesta, la persona legittimata a ricorrere è informata soltanto dopo la trasmissione delle informazioni da parte dell'Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC). Abbiamo criticato la formulazione troppo vaga delle deroghe e la mancanza di trasparenza dei trattamenti dei dati. La trasparenza è necessaria affinché una persona possa esercitare i propri diritti della personalità. Il Consiglio federale ha respinto la nostra proposta. Il tema della trasmissione dei dati fiscali ad autorità estere è anche trattato nel numero 1.9.5 del presente rapporto (in tedesco).

https://www.edoeb.admin.ch/content/edoeb/it/home/documentazione/rapporti-d-attivita/21--rapporto-d-attivita-2013-2014/comunicazione-di-dati-ad-autorita-fiscali-estere.html