Videosorveglianza in ristoranti e take away

Quest’anno abbiamo eseguito accertamenti sull’utilizzo di impianti di videosorveglianza in ristoranti e take away. In questo settore riteniamo importante continuare a sensibilizzare sulle questioni di protezione dei dati.

Abbiamo ricevuto numerose segnalazioni da parte di persone o loro rappresentanti circa l'installazione, in servizi pubblici di ristorazione, di impianti di videosorveglianza che monitorano costantemente i collaboratori. Inoltre ci è stato comunicato che talvolta vengono ascoltate e registrate conversazioni. Sulla base di questi dati abbiamo deciso di avviare accertamenti negli esercizi in questione. Nel questionario inviato ci è stato detto che le telecamere, nel frattempo, erano state smontate, cosa che abbiamo effettivamente potuto verificare. È stato quindi possibile concludere la procedura di controllo, non essendo più avvenuti trattamenti di dati personali.

Sulla base di un'altra segnalazione abbiamo svolto un controllo in un esercizio del settore dei take away. In particolare, gli accertamenti si sono focalizzati sulle modalità e sulla frequenza di eventuali attività di videosorveglianza sia presso l'azienda sia nelle singole agenzie partner. Anche in questi esercizi le telecamere sono state disinstallate nel corso delle verifiche.

Questi casi ci hanno mostrato che c'è un forte bisogno di sensibilizzare e informare in merito al tema della videosorveglianza sul posto di lavoro. Pertanto da un lato preciseremo le nostre spiegazioni in materia; dall'altro coordineremo eventuali progetti di sensibilizzazione nel settore in questione insieme all'Ispettorato federale del lavoro, con cui abbiamo già preso contatto. L'adozione di tali misure è dettata dal fatto che le riprese video che monitorano sistematicamente i comportamenti dei collaboratori/dipendenti sono a tutti gli effetti uno strumento di sorveglianza illecito, come si desume anche dall'ordinanza relativa alla legge sul lavoro. Ciononostante, il perseguimento penale di attività che infrangono questa ordinanza è di competenza degli ispettorati cantonali del lavoro, ragion per cui abbiamo invitato le persone coinvolte a rivolgersi direttamente a queste autorità.

https://www.edoeb.admin.ch/content/edoeb/it/home/documentazione/rapporti-d-attivita/22--rapporto-d-attivita-2014-2015/videosorveglianza-in-ristoranti-e-take-away.html