Aspetti teorici del nuovo numero AVS

Dal 2008 è in vigore il nuovo numero che ha progressivamente sostituito quello vecchio. Abbiamo contattato l'Ufficio federale delle assicurazioni sociali e l'Ufficio centrale di compensazione per comprendere come il nuovo numero è stato attribuito, come viene utilizzato e chi ne sono gli utenti.

Dal 2008 il vecchio numero AVS a 11 cifre è stato progressivamente sostituito dal nuovo numero a 13 cifre (NAVS13). L'Ufficio centrale di compensazione (UCC) era competente del passaggio. Abbiamo contattato l'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS) e l'UCC per ottenere spiegazioni sul processo di attribuzione del nuovo numero, sul suo impiego e sui problemi ancora irrisolti.

Al momento del passaggio dal vecchio numero AVS a quello nuovo sono emersi due tipi di problemi diversi: può capitare che una persona possieda più numeri AVS o che lo stesso numero sia attribuito a più persone. Nel primo caso, la soluzione consiste nel raggruppare i numeri: si sceglie un numero e si disattivano gli altri che in seguito non possono più essere attribuiti. Nel secondo caso si disattivano tutti i numeri e si attribuiscono alle persone numeri nuovi.

Al momento nell'UPI, il Registro centrale degli assicurati per l'attribuzione e la gestione del numero AVS (NAVS13) tenuto dall'UCC, sono registrate 20 milioni di persone. Stando alle stime dell'UCC, i casi in cui è stato attribuito più di un numero non superano l'1 per cento, mentre da 10'000 a 20'000 persone hanno ricevuto un numero identico. Questi ultimi casi sono risolti man mano che vengono scoperti.

Questi casi problematici sono dovuti in parte a errore umano verificatosi al momento di appurare il vecchio registro prima dell'attribuzione del nuovo numero, ma in parte anche a difficoltà tecniche relative alla comunicazione elettronica tra i registri federali e l'UPI. Possono essere dovuti anche alla qualità dei registri che forniscono i dati all'UPI.

Diverse organizzazioni hanno la possibilità di annunciarsi come utenti sistematici del NAVS13 presso l'UCC. L'Ufficio non può rifiutare di iscriverle come tali. Tuttavia, parallelamente alla pubblicazione dell'organizzazione nell'annuario elettronico disponibile su Internet, determina se è riconosciuto lo statuto di utente sistematico. Se l'utente chiede a posteriori l'accesso al registro UPI, gli sarà consentito l'accesso in quanto utente sistematico.

L'UCC mette a disposizione degli utenti sistematici strumenti di ricerca che permettono di ritrovare i dati di identificazione a partire da un NAVS13 o di ottenere il NAVS13 di una persona a partire dai dati di identificazione. Grazie a questi strumenti è possibile anche verificare la validità di un NAVS13. Per ridurre i rischi di errore al momento delle sincronizzazioni, l'UCC impone ai registri terzi di gestire il NAVS13 congiuntamente con almeno altri cinque campi di dati: cognome, nome, data di nascita, sesso e nazionalità.

Abbiamo constatato che l'UCC è consapevole di questi problemi legati all'assegnazione univoca del numero AVS e non raccomanda necessariamente l'uso di questo numero in tutti i settori, in particolare in quelli molto delicati come la sanità elettronica (eHealth).

https://www.edoeb.admin.ch/content/edoeb/it/home/documentazione/rapporti-d-attivita/vecchi-rapporti/19--rapporto-d-attivita-2011-2012/aspetti-teorici-del-nuovo-numero-avs.html