La protezione dei dati viene in gran parte rispettata dagli assicuratori malattie

Dall'inchiesta condotta dall'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT) e dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) emerge che gli assicuratori malattie, che esercitano l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie e l'assicurazione facoltativa d'indennità giornaliera secondo la legge sull'assicurazione malattie, rispettano in gran parte la protezione dei dati. Tuttavia, in alcuni settori sensibili si nota una possibilità di miglioramento.

Nel dicembre 2007, nell'ambito di un gruppo di lavoro, l'IFPDT e l'UFSP hanno inviato a tutti gli assicuratori malattie, nella loro veste di autorità di vigilanza, un questionario dettagliato sull'organizzazione dell'esercizio secondo il diritto sulla protezione dei dati e sulla gestione della protezione dei dati. La grande maggioranza degli assicuratori malattie ha compilato il questionario in modo esauriente e lo ha inviato entro il termine previsto. La valutazione del sondaggio è ora disponibile in forma di rapporto. L'inchiesta ha mostrato in parte l'esistenza di lacune presso gli assicuratori malattie sotto il profilo del diritto sulla protezione dei dati. Il rapporto costituisce una buona base per l'ottimizzazione di tale pratica presso le casse malati.

Dai risultati dell'inchiesta è scaturita la necessità di intervenire nei settori del controllo dell'economicità, del servizio del medico di fiducia, del case management e dell'outsourcing. Inoltre, presso alcuni assicuratori malattie manca una concezione per la protezione dei dati e un regolamento per il trattamento. D'altro canto, la maggioranza degli assicuratori dispone di responsabili per la protezione dei dati, che in prevalenza sono sufficientemente formati. Tuttavia, alcune casse malati non hanno assunto fino ad oggi un proprio responsabile per la protezione dei dati e non hanno registrato le loro banche dati presso l'IFPDT, contrariamente a quanto previsto dalle disposizioni di legge. Le autorità di vigilanza prendono atto, con soddisfazione, che una chiara maggioranza di assicuratori malattie si è dichiarata disposta a sottoporsi regolarmente a un controllo audit. Questo mostra che la sensibilizzazione degli assicuratori malattie nei confronti del problema della protezione dei dati è, soprattutto in vista dell'introduzione della cartella clinica elettronica del paziente, una misura importante per infondere fiducia. L'UFSP e l'IFPDT si attendono che tali dichiarazioni d'intenti trovino al più presto un'applicazione concreta e chiedono di esserne informati in merito.


Per informazioni supplementari:

IFPDT, Hanspeter Thür, Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza, Tel: 031 324 94 10

UFSP, Peter Indra, Capo dell'unità di direzione assicurazione malattia e infortunio, Tel: 031 322 95 05

Maggiori precisioni sui risultati dell'inchiesta sono contenuti nel rapporto dettagliato. Il rapporto di sintesi fornisce informazioni sugli ulteriori passi intrapresi dall'IFPDT e dall'UFSP:

https://www.edoeb.admin.ch/content/edoeb/it/home/protezione-dei-dati/gesundheit/assicurazione-malattie-infortuni/la-protezione-dei-dati-viene-in-gran-parte-rispettata-dagli-assi.html