Videosorveglianza con droni nella sfera privata

Il mercato offre una varietà sempre maggiore di droni con videocamere a prezzi accessibili e di facile uso. Grazie ai progressi tecnologici i droni sono diventati sempre più piccoli e leggeri, più convenienti e più facili da manovrare. Essi vengono pertanto impiegati sempre più spesso a fini privati o a fini commerciali.

Dato che ora sono generalmente dotati di videocamere, i droni possono essere utilizzati per la videosorveglianza. Chi utilizza questo tipo di drone, è tenuto quindi a rispettare le prescrizioni sulla protezione dei dati quando le immagini filmate si riferiscono a persone identificate o identificabili. Ciò vale indipendentemente dal fatto che le immagini vengano conservate o meno. Il nostro promemoria «Videosorveglianza da parte di persone private» fornisce indicazioni generali in merito alla videosorveglianza da parte di persone private.

I droni sono giuridicamente equiparati agli aeromodelli e, se il loro peso è inferiore ai 30 kg, di regola possono essere utilizzati senza autorizzazione. La condizione essenziale è tuttavia che il «pilota» mantenga costantemente il contatto visivo con il drone e che non voli al di sopra di assembramenti di persone (cfr. Portale UFAC).

I droni possono essere impiegati per gli scopi più svariati e nei luoghi più diversi. Con un drone è molto facile ad esempio sorvolare e filmare  fondi e immobili pubblici o privati senza il consenso degli interessati. Un numero sempre maggiore di droni può essere manovrato anche senza contatto visivo. È così possibile effettuare videoriprese in luoghi ai quali non è possibile accedere a piedi. In alcuni casi gli operatori non sono consapevoli di compiere qualcosa di illegale o addirittura di punibile. Le persone interessate spesso non sanno che loro, la loro casa o il loro ufficio sono stati oggetto di videoriprese. In alcuni casi il drone viene scoperto soltanto quando sta già filmando e l'operatore non è sempre chiaramente individuabile. Queste riprese possono essere messe in rete assai facilmente o pubblicate in altra maniera acutizzando così la problematica.

Principi generali in materia di protezione dei dati

Di seguito sono presentati i criteri previsti dalla Legge federale sulla proteziondei dati (LPD; RS 235.1) in materia di videoriprese da aeromobili in generale e da droni in particolare.

(Non sono trattate eventuali fattispecie penali quali la violazione di domicilio e la violazione della sfera segreta o privata mediante videocamere.)

Principio

Lo scopo della legge federale sulla protezione dei dati è di proteggere la personalità e i diritti fondamentali delle persone i cui dati sono oggetto di trattamento (art. 1 LPD). Per dati si intendono tutte le informazioni relative a una persona identificata o identificabile (art. 3 lett. a LPD).

A che cosa bisogna prestare attenzione utilizzando i droni?

Se effettua riprese da un aeromobile, e quindi anche da un drone, la persona interessata deve rispettare le disposizioni della legge sulla protezione dei dati relative alla tutela della personalità che prevede:

La necessità di una giustificazione. Il trattamento di dati deve essere pertanto giustificato dal consenso della persona interessata, da un interesse privato o pubblico preponderante o da una legge (art. 13 LPD). La persona interessata deve poter esprimere liberamente il proprio consenso dopo debita informazione (art. 4 cpv. 5 LPD).

Se esiste una giustificazione, occorre rispettare i principi generali della protezione dei dati sanciti negli articoli 4 e seguenti LPD (liceità, buona fede, proporzionalità, conformità allo scopo, trasparenza e rispetto di particolari condizioni nel comunicare all'estero dati personali ecc.).

Occorre dare la preferenza a quelle misure che, pur perseguendo lo stesso obiettivo, sono meno lesive della personalità di altre persone.

Se esiste una giustificazione e una misura meno drastica non è attuabile, i dati vanno cancellati o anonimizzati il più rapidamente possibile (vedi sotto).

In quali casi non si applica la legge sulla protezione dei dati?

La LPD non si applica quando le riprese non mostrano persone identificabili o se è garantita, mediante misure tecniche e organizzative, la non identificabilità di eventuali persone riprese.

Regole fondamentali concernenti l'impiego lecito di droni equipaggiati con apparecchi per la videosorveglianza (elenco non esaustivo):

Gli esempi presentati qui di seguito illustrano le condizioni menzionate e fungono unicamente da direttive. Le condizioni vanno esaminate e definite in modo specifico per ogni singolo caso, tenendo conto delle circostanze particolari.

A.   Indipendentemente dal fatto che le immagini siano salvate e conservate:

  • Filmare persone identificabili mediante droni o altri aeromodelli è lecito unicamente se esiste una giustificazione. Il consenso della persona interessata o un interesse privato o pubblico preponderante costituiscono una giustificazione valida.

    Esempio 1: nell'impiego di droni per filmare un cantiere o un luogo di scavi archeologici, la videosorveglianza può riprendere persone identificabili soltanto con il loro consenso oppure se l'impiego dei droni persegue scopi impersonali e i risultati vengono resi pubblici in forma anonima.

    Esempio 2: il sorvolo di un giardino privato o di un immobile con finestre è lecito unicamente se il proprietario o il locatario nonché le persone che si trovano in giardino/sul fondo al momento del sorvolo ne sono a conoscenza e vi hanno acconsentito. Qualora le immagini venissero salvate da qualche parte, il consenso dovrebbe comprendere anche questo aspetto.

    Esempio 3: di regola non si deve filmare attraverso le finestre, ma se ciò avviene è indispensabile che tutte le persone interessate ne siano a conoscenza e vi acconsentano.

  • La videosorveglianza deve poter essere individuata dalle persone interessate grazie ad una targhetta segnaletica, una videocamera visibile o un'informazione preventiva (principio di trasparenza).

    Esempio 4: la videosorveglianza di un edificio affidata a una ditta privata che a tal fine impiega droni va segnalata mediante un pittogramma.

    Esempio 5: per far misurare il proprio edificio impiegando droni, il proprietario di una casa plurifamiliare deve informarne preventivamente i locatari, indicando anche l'ora e lo scopo dell'impiego di droni.

  • I droni devono essere impiegati in modo tale che nel campo di ripresa della videocamera appaiano soltanto le immagini assolutamente necessarie allo scopo perseguito (principio della proporzionalità).

    Esempio 6: i droni che filmano un cantiere riprendono soltanto quest'ultimo e non edifici adiacenti.

B.   Se le immagini sono salvate e conservate:

Se le immagini vengono salvate e conservate, oltre a considerare gli aspetti menzionati al punto A, occorre soddisfare le seguenti condizioni:

  • Le riprese possono essere utilizzate soltanto allo scopo originariamente previsto (principio della conformità allo scopo). È quindi scontato che le riprese possono essere effettuate soltanto se necessarie e adeguate al conseguimento dello scopo. Se tuttavia è possibile conseguire lo stesso scopo utilizzando altri mezzi meno lesivi della personalità, occorre rinunciare alle riprese (principio della proporzionalità).

    Esempio 7: le riprese di un cantiere per effettuare misurazioni nelle quali appaiono persone riconoscibili, non possono essere rese pubbliche senza essere ritoccate. Le immagini devono quindi essere anonimizzate prima della pubblicazione o bisogna ottenere il consenso delle persone interessate.

  • Se le immagini riprese sono collegate a una collezione di dati, occorre garantire il diritto d'accesso conformemente all'articolo 8 e seguente LPD, e la persona interessata deve poter sapere chiaramente presso chi può esercitarlo (diritto d'accesso).

    Esempio 8: accanto a un pittogramma viene menzionata, mediante l'indicazione dell'indirizzo o di un numero telefonico, la persona competente per le richieste di accesso.

  • I dati personali devono essere protetti da accessi e trattamenti non autorizzati, mediante provvedimenti tecnici e organizzativi appropriati (sicurezza dei dati).

    Esempio 9: il supporto di dati con le immagini va conservato in un armadio chiuso con una chiave accessibile soltanto alle persone autorizzate.

  • Le riprese con dati personali (persone riconoscibili) non possono essere mostrate a terzi, salvo nei casi previsti o consentiti dalla legge (come le istanze giudiziarie) (principio della conformità allo scopo).

    Esempio 10: un giudice chiede la consegna di immagini in un procedimento penale pendente.

  • Le riprese devono essere cancellate o rese anonime nel più breve tempo possibile. La durata di conservazione dipende dallo scopo perseguito, ma si ritiene tuttavia che nella maggior parte dei casi una durata di non più di una settimana debba essere sufficiente.

    Esempio 11: le riprese del cantiere sono rese anonime entro 24 ore.
https://www.edoeb.admin.ch/content/edoeb/it/home/protezione-dei-dati/technologien/videoueberwachung/videosorveglianza-con-droni-nella-sfera-privata/videosorveglianza-con-droni-nella-sfera-privata.html